fbpx
Seleziona una pagina

Sharing is caring!

Per avviare un ‘attività come Sviluppatore di “app”, la normativa non impone nessun requisito necessario.
Sicuramente chi intende ricoprire questa figura nel mercato, è un soggetto che oltre alla passione per questo campo, ha conseguito un percorso formativo o ha maturato dell’esperienza lavorativa nell’ambito
informatico – tecnologico.


Al riguardo, l’apertura di una partita IVA può essere veicolata dal tipo di bagaglio formativo del soggetto aspirante Sviluppatore di app, inquadrandolo:


a) come Professionista iscritto ad albo
b) come Professionista non iscritto a nessun albo


Ciò premesso, quando si apre una partita IVA, tra i primi passi che compie il Consulente vi è l’individuazione del cosiddetto codice ATECO 2007 che identifica l’attività ch svolgerai. E rispetto all’attività in oggetto sono
tipicamente indicati i seguenti codici ATECO:


71.12.10 Attività degli studi di ingegneria
Qualora si identifichi un Ingegnere informatico che intende sviluppare app; come Professionista iscritto ad
albo. Ovvero,
62.01.00 Produzione di software non connesso all’edizione;
62.02.00 Consulenza nel settore delle tecnologie dell’informatica;
62.09.09 Altre attività dei servizi connessi alle tecnologie dell’informatica

Qualora non inquadrabile come Professionista appartenente ad albo professionale.
Altro focus fondamentale è capire che tipo di attività effettivamente si intende svolgere (solo di tipo professionale ovvero anche commerciale), possiamo infatti distinguere:


1) l’attività di sviluppo app su commissione per uno o più committenti
2) l’attività di sviluppo e commercializzazione di app su stores on-line stipulando con i siti web contratti di “mandato senza rappresentanza” per la vendita delle app oltre la possibilità di voler svolgere entrambe le attività.
Oltre all’Apertura della partita IVA con la quale ti verrà assegnata una sequenza di 11 cifre che ti identifica univocamente con riferimento all’esercizio dell’attività, in base all’inquadramento, vi sono gli Adempimenti che rimetterai al Consulente che ti seguirà.


Per l’attività di sviluppo app su commissione per uno o più committenti si provvede all’iscrizione alla gestione separata all’INPS se non appartenente a nessun albo ovvero iscrizione all’INARCASSA per Ingegneri.
Nella seconda ipotesi invece e dunque nel caso di inquadramento dell’attività come commerciale, occorrerà provvedere ai seguenti adempimenti:

  • Segnalazione certificata di inizio attività da effettuare nei confronti del Comune nel quale si deve aprire l’attività
  • Iscrizione al Registro delle Imprese in Camera di Commercio
  • Iscrizione all’INPS
  • Eventuale iscrizione all’INAIL
  • In tutti i casi si dovranno istituire i registri contabili e qualora si intenda svolgere l’attività anche nei confronti di Clienti esteri, occorrerà provvedere all’iscrizione al VIES.


Quanto ai tuoi adempimenti, occorrerà:

  • Emettere Fattura elettronica (cartacea se si valuta la scelta del regime forfetario)
  • Versamento contributi previdenziali
  • Versamento annuale diritto camerale in caso di iscrizione alla Camera di Commercio
  • In base alla scelta del regime fiscale e dei risultati periodici, eventuale versamento IVA a debito
  • Versamento imposte sul reddito
  • Ti raccomandiamo di contattare lo Studio per una Consulenza ad hoc e specifica per valutare il miglior inquadramento applicabile rispetto alle tue esigenze e caratteristiche.
shares